“Bruciati 287 miliardi in Borsa”: scopri perché è falso

Ogni tanto, sui mercati finanziari globali capitano delle giornate molto negative.

Venti di guerra, tensioni politiche, dati economici o semplicemente la necessità di “tirare il fiato” dopo mesi o anni di crescita.

I motivi possono essere diversi, e non sempre così chiari.

“E’ la natura dei mercati finanziari, niente di diverso. “La loro oscillazione (al rialzo e al ribasso) fa spaventare gli speculatori e gli investitori paurosi, mentre chi investe con strategia non si cura particolarmente di questi movimenti di breve durata.

Devo ammettere di non avere un buon rapporto con la televisione.

Se non per guardare qualche partita di basket, non mi capita neppure di accenderla.

Non voglio fare lo snob, ma ho tempo per farlo, e i contenuti televisivi non fanno per me (preferisco leggere un libro o fare sport).

Faccio eccezione solo in un caso: nel giorno di forti ribassi di mercato, o il giorno successivo.

Non so se hai notato, ma la scarsa fantasia e il desiderio di terrorizzare il popolino con lo “scoop” porta i giornalisti nostrani a titolare tutti allo stesso modo.

Puntuale come il servizio di “Studio Aperto” sull’emergenza caldo in città e sull’esercito dei vacanzieri, lo schema è questo:

[giorno della settimana] nero per le borse, [nazione o continente] brucia [X] miliardi.

Ogni volta lo stesso copia-e-incolla.

Capisco che l’immagine di 287 miliardi di euro che bruciano, come una catasta di banconote, è un immagine molto forte e impressionante.

In tempi di crisi come questo e per il bisogno di trovare un capro espiatorio, immaginare una cerimonia satanica con i banchieri e i finanzieri speculatori (mettici in mezzo anche i politici) che banchettano e bruciano banconote, sia un immagine molto suggestiva e possa fare colpo sul popolo della TV.

Peccato che non funziona così.

Nelle borse di tutto il mondo non si “brucia” e non “va in fumo” proprio nulla.

Allo stesso modo, quando i mercati finanziari vanno bene (e, negli ultimi anni sono andati molto, molto bene) non si crea nulla.
Nessun alieno lancia sacchi di soldi sulla terra, sorry.

In maniera ultra-semplificata, la borsa e i mercati finanziari sono un “gioco a somma zero”.

Cosa significa?

Prendi ad esempio la giornata di lunedì 29 Giugno 2015.
Piazza Affari, la Borsa Italiana, ha chiuso in calo del 5% circa.

Quindi, in parole povere, ci sono state sul mercato più persone disposte a VENDERE titoli rispetto a persone disposte ad ACQUISTARE titoli (l’offerta superava la domanda).
Quando succede questo, i prezzi (e quindi le quotazioni) scendono.

“Te la faccio più semplice con una storia. ” Immagina di essere su una spiaggia.

A seguito di una pesca miracolosa, i pescatori del villaggio hanno tirato su tonnellate di aragoste, che vogliono VENDERE.

Peccato che, in spiaggia, ci sei solo tu ed altre 3 persone che possono ACQUISTARE.

Sei d’accordo che i pescatori si scanneranno in una sorta di “asta al ribasso di prezzo” per venderti la loro aragosta?

Questo succede sempre quando l’offerta è di gran lunga superiore della domanda.[/st_callout]

Questo è successo oggi in Borsa, niente di più complicato di così.

Al contrario, quando ci sono dei rialzi, è perché c’è la fila di persone che vogliono acquistare, ma meno persone disposte a vendere.

Questo genera l’aumento di prezzi.

  • Nessun Nuovo Ordine Mondiale che brucia soldi
  • Nessun membro del Bilderberg che sacrifica i tuoi soldi per divertimento
  • Nessun grasso banchiere che divora le tue banconote.

Solo una semplice e banale esecuzione e dimostrazione reale della legge della domanda e dell’offerta.

Purtroppo, in una nazione come l’Italia, tristemente nota per l’analfabetismo finanziario che affligge la sua popolazione, anche questi concetti rischiano di non essere chiari a tutti,

Non è colpa del risparmiatore: per colpa della tipica cultura italiana (democristiana? catto-comunista? scegli tu), la gestione del denaro è sempre stata vista come un qualcosa di deprecabile e associata a qualcosa di maligno.

Proprio per questo nessuno ha mai insegnato nelle scuole primarie (e si continua a non farlo!) i principi basilari dell’economia e della finanza.

Cose utili e ormai indispensabili per capire come funziona il mondo nel 2017!


Segnati quest’ultima dritta qua e falla tua.

La Borsa è un gioco a somma zero.

Vuol dire che per tutti quelli che hanno venduto, c’è sempre qualcuno che ha comprato.

Ieri, come in tutte le altre giornate di borsa:

  • qualcuno, convinto di fare un buon affare, ha venduto per paura che i prezzi scendano ancora.
  • qualcun altro, convinto di fare un buon affare, ha comprato pensando che i prezzi risaliranno.

Chi ha ragione?

Nessuno può saperlo, oggi.

Queste sono tattiche di brevissimo termine di speculatori e trader.

Un investitore intelligente non si cura di queste speculazioni, e rimane saldo nella strategia che ha sapientemente stabilito PRIMA di entrare sul mercato.

Ora, se non vuoi “bruciare” sul serio i tuoi risparmi investendo senza una strategia precisa, spegni la TV e scarica il report gratuito:

==> “Sei davvero sicuro che i tuoi risparmi siano protetti e tutelati in banca?”

Alla tua sicurezza e prosperità finanziaria.

Luca

P.S.:  se hai già letto il Report e il libro “I X Comandamenti dell’investimento finanziario”, sei un lettore assiduo del gruppo WikiLixi – Tutti i segreti della finanza e vuoi scoprire come costruire una strategia di difesa in caso di pesanti crolli di mercato, prenota qui la tua Consulenza Protezione Finanziaria personalizzata.

 

2 Comments

  1. Flavio 26 giugno 2016 Reply
    • Luca Lixi 27 giugno 2016 Reply

Leave a Reply